Nanni Balestrini. Vogliamo tutto

Mostra Nanni Balestrini a Roma

Dal 29 Maggio al 2 Settembre 2019, la sede della Visionarea Art, al secondo piano dell’Auditorium della Conciliazione, ospita la mostra dedicata a Nanni Balestrini intitolata Vogliamo tutto.

Curata da Luigi De Ambrogi in collaborazione con la Galleria Emilio Mazzoli di Modena, presenta 11 lavori, realizzati tra il 1965 e il 2004, selezionati dallo stesso artista, per raccontare il suo percorso creativo.

Nanni Balestrini è scomparso lo scorso 20 Maggio, a ridosso dell’inaugurazione della mostra, che è divenuta un immediato omaggio alla sua figura e alla sua arte e, contemporaneamente, l’estremo saluto di uno degli intellettuali più influenti e importanti del periodo delle contestazioni sociali e delle battaglie politiche degli anni sessanta e settanta. Poeta, scrittore, saggista e infine artista ha contribuito in maniera energica alla definizione dell’intellettuale impegnato, immerso nelle problematiche della contemporaneità, tendente alla sperimentazione.

Già presente nell’antologia “I Novissimi”, del 1961, direttore poi della rivista “Quindici” del Gruppo 63, di cui fu uno dei fondatori, ha sempre cercato di superare i confini tradizionali del sistema creativo. L’arte, nella sua azione realizzativa è rottura degli schemi, è rivoluzione. Dice il critico Achille Bonito Oliva, che Nanni Balestrini individua la possibilità di fondare un luogo dell’arte non circoscritto ai generi tradizionali, l’opera non è il frutto di uno sconfinamento o di un intreccio linguistico, bensì il risultato di una fondazione di un diverso spazio estetico, in cui non contano i singoli lacerti linguistici.”

La Mostra

La mostra “Vogliamo Tutto”, titolo ripreso dal suo romanzo, forse, più famoso del 1971, divenuto immediatamente il manifesto per l’intero decennio, offre al visitatore una varietà significativa dei suoi collages insieme alle opere su tela e su tavola, che descrivono pienamente la sua cifra provocatoria e la sua grande capacità di raccontare i diversi livelli di significato presenti nell’analisi della società.

Esempio rilevante nell’opera “Tempo” del 1967, in cui i titoli di giornale, i frammenti della comunicazione vengono deviati, in qualche modo, acquisendo nuovi significati trasgressivi e provocatori, non previsti dalle “agenzie di controllo” dell’opinione pubblica. L’artista è impegnato nel superamento dell’ideologia che vuole descrivere il presente, il quale sembra l’unico a nostra disposizione, e invece ce n’è sempre un altro possibile.

Vedere e scrutare le opere di Balestrini è anche un viaggio nel tempo, e non semplicemente nel passato degli anni sessanta, settanta o degli anni più recenti. E’ un viaggio nel tempo diverso, come è diverso il tempo dell’artista che affonda le mani, la testa e i piedi nelle radici dei grandi e piccoli eventi, per conoscere, raccontare e immaginare; mutando da reporter a storico, da intellettuale a sperimentatore.

Nelle immagini realizzate, col suo talento connesse e armonizzate, emergono frammenti del quotidiano colti in determinati momenti, come spinti fuori a rompere la superficie sempre piatta e sempre uguale dell’ordinario.

La mostra è un tuffo nel mondo di un “Artista totale”, poeta e pittore e altro, che scopriamo come nostro di mondo. La sua azione di tagliare concretamente le parole e il loro senso comune, rende continuamente sorprendente la lingua. Non se ne appropria, ma la combina, e così permette alla poesia di appartenere a tutti, è la rivoluzione.

Info, Orari e Costi

NANNI BALESTRINI.VOGLIAMO TUTTO

Dal 29 Maggio al 2 Settembre 2019, Visionarea  Art Space, secondo piano dell’Auditorium della Conciliazione, Via della Conciliazione 4

 ORARI: Aperto tutti i giorni h 10-21.30

BIGLIETTi: Ingresso gratuito

Info: Tel. 060608 (tutti i giorni ore 9 – 19); mail: info@visonarea.org

The post Nanni Balestrini. Vogliamo tutto appeared first on Gruppo Trevi Hotels in Rome – Official Site – Blog.