Frida Kahlo. Il caos dentro

Frida Kahlo Il caos dentro

Dal 12 Ottobre 2019 al 29 marzo 2020 presso il SET, lo Spazio Eventi Tirso, una mostra che si presenta come una vera e propria esplorazione del mondo e della vita della grande artista messicana.

La competente schiera di curatori, Sergio Uribe, Alejandra Matiz, Ezio Pagano e Maria Rosso, è riuscita a far emergere perfettamente i tratti più eloquenti e intimi di una vita straordinaria e intensa, dove il dolore fisico ricorrente viene trasformato in arte.

La Mostra

Centinaia di immagini, tra le quali le fotografie di Leo Matiz, le lettere insieme a pagine di diari e, ovviamente, le opere, in formato Modlight, formano un percorso disseminato di indizi rivelatori per scoprire l’universo complesso e affascinante di Frida Kahlo. Inoltre gli abiti e i gioielli presenti ispirati all’artista ci raccontano di quanto il personaggio Frida sia entrato nell’immaginario comune rivelandosi come una delle icone artistiche del XX secolo.

Grazie al sapiente utilizzo della tecnologia e della multimedialità, la mostra provoca un impatto sensoriale impressionante. Entrare virtualmente negli spazi suggestivi della sua Casa Azul di Città del Messico, regala sensazioni sorprendenti ed emozionanti. Il suo studio che evoca tutta la sua creatività, e la camera da letto dove immobilizzata per molto tempo, dopo l’incidente subito, scoprì le sue aspirazioni, fanno si che il visitatore, fin dall’inizio, sia coinvolto facendolo immergere letteralmente nella quotidianità estrosa della Kahlo, perfino attraverso le piante e i profumi che più amava.

Percorrendo le sale si approfondisce il rapporto pressante con il suo corpo e tutto quello che le provocava sia dal punto di vista fisico che mentale, l’ambito della sua intimità sentimentale con Diego Rivera, suo marito, del quale sarà presente un suo ritratto di Frida, una rarità inedita, e le sue relazioni con la politica; tutto questo per provare a spiegare il valore e il significato artistico della sua pittura che inevitabilmente si eleva prescindendo dalla narrazione iconica.

Così il talento dell’artista emerge superando le varie etichette o appartenenze a correnti artistiche. È il mondo colorato e articolato della Kahlo che in modo inatteso esplode con la sua simbologia rivelatrice.

Leggendo le lettere ci accorgiamo che quasi prendono vita e ammirando le sue immagini avvertiamo il suo sguardo autentico. È la magia dell’artista quando diventa opera d’arte stessa.

Dal momento che i miei soggetti sono stati sempre le mie sensazioni, i miei stati mentali e le reazioni profonde che la vita è andata producendo in me, ho di frequente oggettivato tutto questo in immagini di me stessa, che erano la cosa più sincera che io potessi fare per esprimere ciò che sentivo dentro e fuori di me”.

Così si esprimeva la Kahlo parlando della sua produzione artistica, a cui il titolo della mostra “Il caos dentro” rende un omaggio di energica forza e intensa ricerca di vita.

Frida Kahlo

Sognava di diventare medico e fin dalla sua adolescenza Frida mostra una personalità forte e passionale e uno spirito indipendente. Nata nel 1907, nel sobborgo di Città del Messico di Coyoacàn, da genitori ebrei ungheresi, è ammessa al migliore istituto superiore del Messico, la Escuela Nacional Preparatoria.

Il 17 Settembre del 1925, all’età di 18 anni, tornando da scuola è vittima di un incidente che la segnerà per tutta la vita. Un tram si scontra con l’autobus sul quale viaggiava, ci saranno diversi morti e la sua colonna vertebrale si spezza in tre punti, oltre a subire numerose fratture e a causa di un corrimano entrato nell’anca sinistra e uscito attraverso la vagina, perde la possibilità di avere figli.

Subirà 32 operazioni, restando in ospedale per tre mesi e per nove mesi dovrà indossare diversi busti di gesso e rimanere immobile nel suo letto. Ed è qui che la sua personalità indomabile trasforma l’immobilità in un’opportunità: inizia a dipingere.

Verso la fine del 1927 riprende a camminare e a ricominciare una vita normale, anche se i dolori non l’abbandoneranno più. Diventa attivista del Partito Comunista, conosce poi Diego Rivera, già famoso pittore, al quale sottopone le sue opere per avere una critica autorevole. Si sposeranno due volte in un rapporto burrascoso e altalenante. Ebbe numerosi amori di entrambi i sessi elencando nomi rilevanti dell’epoca come il rivoluzionario russo Lev Trockij, il poeta André Breton o la ballerina e cantante Joséphine Baker. Morì all’età di 47 anni e le sue ultime parole lasciate sul diario personale sono state:

“Spero l’uscita sia gioiosa e spero di non tornare più”. Parole acute e lancinanti come la sua arte sensibile e la sua vita crudele.

Info, Orari e Costi 

Frida Kahlo. Il caos dentro

Dal 12 Ottobre al 29 Marzo, SET – Spazio Eventi Tirso, Via Tirso 16/18

Orario: Dal Lunedì al Venerdì h 9.30-20, Sabato e Domenica h 9.30-21

Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura

Biglietto: Intero € 12, Ridotto (Docenti e Over 65) € 10

Info: Tel. +39 3888507930, mail [email protected]